A JAPANESE CHARME – ROBERTA E GABRIELE WEDDING

A JAPANESE CHARME

  • Produzione video: Wed Your Movie
  • Videographer: Emanuela, Paolo
  • Directing – Editing: Emanuela
  • Location: Villa Pocci, Castelgandolfo
  • Wedding autunnale, ottobre 2016

Roberta e Gabriele, un amore sconsiderato per il Giappone

Intellettuale nerd lui, dolce ed introspettiva lei.

Amanti entrambi dei Fumetti, dei Manga, degli Anime e dei Videogames, la loro relazione con il wedding film tocca la sfera del simbolismo semiotico, una simbologia appartenente ad un immaginario assai personale sul genere indi e sul citazionismo di nicchia.

Durante le loro preparazioni abbiamo immediatamente notato le innumerevoli collezioni di oggetti: dalle miniature di statuine e sculture a vecchie polaroid, dai gemelli raffiguranti gli Storm Trooper di Star Wars alle illustrazioni/istruzioni per un corretto nodo alla cravatta.

La favola di Roberta e Gabriele inizia con Converse rosa e calzini raffiguranti piccoli sushi… stesso look indossato dagli sposi nel momento dei balli durante il ricevimento.

ROBERTA GABRIELE wedding film

Roberta e Gabriele si sono sposati presso la Chiesa di San Giovanni a Porta Latina, una chiesa romanica eretta vicino le Mura Aureliane sulla via Latina, per poi trasferirci tutti in una location fuori dal tempo sul lago di Castelgandolfo, Villa Pocci.

I decori del loro matrimonio richiamavano i simboli della terra nipponica in tutto e per tutto, dagli origami come segna posto alla carta di riso, dagli ideogrammi ai fiori di carta presenti in ogni dove, dai centro tavola raffiguranti i nomi dei fiori e degli alberi giapponesi ai “Fuurin”.

Niente era lasciato al caso, neanche la scelta del font di utilizzo per ogni singolo nome del tableau. La splendida cornice del lago di Castelgandolfo scandiva i frangenti temporali di una dolcezza e di un amore senza confini: sembrava di vivere in due contesti temporali paralleli, proprio come nei manga, da un lato la trasposizione simbolica di universi nipponici lontani e dall’altro lato la realtà, una realtà trasparente e sincera nella quale l’unico protagonista della giornata era l’amore profondo di Roberta e Gabriele.

Ecco il perché della scelta del vetro per le esterne pensate per Gabriele e Roberta: il vetro, l’oggetto unificante nel quale Roberta e Gabriele si congiungono, rappresenta lucidità, purezza morale, ha il potere di proteggere, di desiderare di raggiungere un obiettivo inaccessibile poiché in un altro mondo, un mondo spesso separato dallo spazio fisico e dalle barriere, un obiettivo che vive già nel mondo del futuro o ancora in quello del passato; ma il vetro è anche simbolo di preziosità dell’oggetto e l’oggetto in questione è l’amore, l’amore di Roberta e Gabriele che fonda le sue radici nel passato, attraversando la realtà del presente e si lancia verso l’infinità del futuro

Torna al PORTFOLIO video

Articoli correlati